Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Carne equina nei tortellini: è allarme! Cemento portland nelle malte di calce: è normale?

La presenza di tracce di carne equina ha seminato il panico tra produttori e consumatori di tortellini e lasagne preconfezionati. Lo scandalo della carne di cavallo si allarga a macchia d’olio, l’ultima novità è il suo ritrovamento anche nelle polpette svedesi vendute all’Ikea.

Nei prossimi giorni saranno ulteriori esami dei NAS ad accertare se si può ipotizzare solo una frode in commercio (per la vendita di un prodotto diverso da quello indicato) o se c’è un rischio per la salute per l’eventuale presenza di carne di animali sottoposti, ad esempio, a doping.

Ma cosa avviene per le malte pronte a base di NHL - Calce Idraulica Naturale?
Il presentimento  è che, facendo degli esami appropriati, nei premiscelati scopriremo abbondante presenza di cemento portland.
Già nel 2007, una ricerca condotta dall'allora ICR - Istituto Centrale del Restauro - su 22 prodotti omogenei, tra i più diffusi sul mercato, appartenenti alla categoria merceologica degli 'intonaci deumidificanti a base calce', aveva messo in luce molte discrepanze tra quanto riportato sulle schede tecniche e quanto effettivamente presente nelle malte, evidenziando tra l'altro l'impiego non dichiarato di cementi grigio e bianco. 

Vediamo cosa succede per lasagne e tortellini e poi... forse sarebbe il caso di dare nuovamente un'occhiata ai premiscelati.
E, in attesa degli esami, che fare?
Mentre le mamme di tutta Italia ritornano ai fornelli e abbandonano i cibi precotti, chi si occupa di ediliza e restauro farebbe bene a recuperare le validissime 'vecchie ricette di cantiere', e tornare a formulare malte secondo la tradizione, con aggregati selezionati e calci naturali le uniche 'garantite' da secoli di utilizzo e sicuramente 'cement free' !