Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Calce e archelogia. Le cave di Poggio Picenze (AQ)

Le ricerche svolte per la tesi di dottorato della nostra socia Giovanna Petrella hanno permesso di ricostruire il panorama della produzione della calce in territorio aquilano.
La metodologia adottata è quella della interdisciplinarietà, prendendo in considerazione la fonte archeologica, storica, cartografia e orale.

In questa sede si vuole presentare l'esito delle ricerche che si sono concentrate presso le Cave di Poggio Picenze (AQ) che dal XIV secolo hanno rifornito il  circondario di pietra da taglio e da calce. L'area delle cave è suddivisa in "cave antiche" e "nuove". Dopo l'estrazione, gli scarti della sbozzatura venivano depositati lungo i margini delle cave all'interno delle quali si realizzavano camminamenti concentrici per raggiungere il fondo. 

Lungo le vie carraie il prodotto semilavorato veniva avviato ai cantieri.
Il materiale di scarto veniva cotto nei forni da calce, siti presso le "cave nuove", sfruttate con l'utilizzo degli esplosivi.

L'articolo 'Le cave di Poggio Picenze (AQ). Appunti dalle ricognizioni - Archeologia Postmedievale, Edizioni All'insegna del Giglio' è disponibile in Download

Scarica l'articolo PDF>>