Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Scambio campioni

Il Progamma 'Scambio Campioni' ha l’obiettivo di favorire lo scambio di informazioni e di conoscenze (in forma libera, non concorrenziale e volendo anonima) tra coloro che si occupano di analisi scientifiche di calce, malte e altri prodotti a base di calce: antichi, di nuova formulazione e da restauro.

Il programma ha preso il via dal Workshop "Analisi di laboratorio su malte storiche a base di calce: problematiche di studio e interpretazione dei risultati", organizzato dal Forum Italiano Calce nel 2007 a Faenza.

Vengono predisposti campioni di calce e/o derivati di origine e/o composizione nota e per renderli disponibili a chi si occupa di indagini scientifiche a scopi didattici e/o di crescita professionale.
Ciò non solo attraverso un percorso individuale, ma favorendo anche uno scambio di informazioni e competenze tra i partecipanti, attraverso formazione di mailinglist, organizzazione di incontri e workshop.


Scambio Campioni 2007-2009
Nel 2008, il programma si è concentrato sullo studio mineralogico e petrografico di malte di calce storiche, attraverso la microscopia ottica di sezioni sottili. 

Scarica il report 2008 >>


Scambio Campioni 2010-2013
Nel 2010 il programma ha avviato lo scambio e lo studio di malte a composizione nota, preparate ad hoc, facendo uso di leganti di natura diversa e in diverso rapporto con l'aggregato.
Nel 2011 e nel 2012 sono stati organizzati due workshop tra i partecipanti e nel febbraio 2013 i primi risultati sono stati discussi nella ambito dell'AMMC Conference on Ancien and Modern Mortars di Firenze. 

Il coordiamento è affidato al Dott. Geol. Roberto Bugini del CNR ICVBC – Milano