Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Corso – Il pavimento pastellone – c/o coworking “Officina Lieve”, Borgo S. Lorenzo (FI) 6 – 7 settembre (realizzazione finitura)

Corso base di fabbricazione del pavimento in cocciopesto per opere di bioarchitettura e restauro.


Borgo S. Lorenzo (FI)  - 2-3 agosto 2014 (realizzazione massetto) - 6-7 settembre 2014 (realizzazione finitura) 

Il cocciopesto è un pavimento a base di grassello di calce, aggregati locali, pozzolana e polvere ottenuta da coppi e laterizi frantumati che incrementano la resistenza meccanica. Si tratta di una tecnica già in uso ai tempi dei Romani, di probabile derivazione fenicia, con applicazioni in tutta l’area mediterranea.

I Romani hanno utilizzato il cocciopesto e la pozzolana con il grassello di calce e altri aggregati in maniera estensiva per impermeabilizzare cisterne, acquedotti, come sottofondo stradale. Può avere colorazioni che vanno dal giallo ocra al rosso chiaro a seconda del colore dei laterizi impiegati, delle pozzolane e degli aggregati utilizzati nel mix della malta. 
E’ un materiale ideale per applicazioni di bioarchitettura perché naturale al 100%. Di pregevole effetto estetico, la malta può essere preparata in cantiere anche con aggregati locali.
Il legante utilizzato è il grassello di calce, il più antico e apprezzato dei leganti utilizzati dall'uomo per edificare, decorare e proteggere le sue costruzioni.
Dopo decenni di abbandono e di uso quasi esclusivo di prodotti cementizi, il recupero della tecnologia tradizionale nella produzione e utilizzo della calce è oggi un’esigenza condivisa da un numero sempre crescente di specialisti impegnati nel campo del restauro, dell’architettura compatibile e dell’edilizia di qualità
.


 

Il corso ‘Il Pavimento in cocciopesto’ è strutturato per offrire una panoramica esaustiva sull’utilizzo molteplice della calce e, in particolare, del suo impiego nelle pavimentazioni naturali.

Il corso si svolge in due fasi: 

 

Nella prima fase (2-3 agosto) è stato realizzato il massetto di circa 6 cm di spessore.

 

La seconda fase (6-7 settembre), sarà dedicata alla stesura della finitura e seguirà il seguente programma:

 

parte teorica: illustrazione dei pavimenti di pastellone a calce, varie tipologie provenienti dalla tradizione, esempi realizzati, problematiche esecutive; (nel caso ci siano iscritti diversi da quelli che hanno partecipato alla realizzazione del massetto saranno illustrate con foto e video le fasi esecutive del massetto).

 

parte teorico pratica: illustrazioni della proprietà del legante (grassello); degli aggregati utilizzati: sabbie carbonatiche, sabbie silicee di provenienza locale, pozzolana, cocciopesto; formulazione e composizione del mix di aggregati per l'impasto dei due strati successivi di finitura da stendere fresco su fresco.

 

parte pratica: preparazione dell'impasto, stesura del primo strato, attesa per l'indurimento, preparazione dell’impasto per il secondo strato di finitura (pastellina), stesura del secondo strato, illustrazioni del trattamento di stabilizzazione con olio di lino cotto ed altri prodotti, da realizzare a fase di indurimento avvenuta.

 

 

IMPORTANTE
Questo corso viene tenuto in un cantiere scuola dove dal 17 al 20 luglio 2014 si è tenuto un corso di autocostruzione con balle di paglia – tecnica GREB. È immaginabile che al momento del corso sul cocciopesto i lavori in paglia (tramezzo, soffitto e cappotto interno) non saranno finiti, permettendo così a tutti di vedere, chiedere e farsi spiegare un po’ di cosa si tratta. Chi vorrà trattenersi dopo il corso per aiutare a costruire tanto il massetto del pavimento (70 mq in tutto) quanto le opere in GREB potrà farlo: vitto e alloggio sono offerti dall’Ass.ne Officina Lieve e il Mugello offre molte opportunità di svago per chi ama la natura appenninica e la buona cucina.


Obiettivi
Fornire le conoscenze di base dei temi propri della ralizzazione tradizionale dei pavimenti a grassello di calce, terra e calce viva, conoscere le qualità nell’impiego nelle varie applicazioni che interessano le finiture architettoniche nella bioedilizia e nel restauro.


Destinatari
Geometri, Architetti, Muratori, Restauratori, Tecnici di Imprese, Studenti in Ingegneria, Architettura, Conservazione Beni Culturali ecc., persone interessate all’autocostruzione.


Contenuti Formativi

  • Conoscere la calce: la storia, le proprietà e l’impiego millenario in architettura.

  • Conoscere le modalità di fabbricazione dei pavimenti a calce: la scelta degli aggregati, le modalità di impasto e di esecuzione, i tempi di maturazione, la stagionatura, le tecniche di finitura.

  • Conoscere le qualità che fanno del pavimento in calce in mix con soli aggregati naturali il materiale più idoneo nell’affrontare opere di bioedilizia e restauro di edifici antichi con sole materie prime lavorate direttamente in cantiere.

  • Conoscere le metodologie esecutive per la realizzazione del pavimento a pastellone.


Date e Orari della seconda fase di finitura: pastella e pastellina

Sabato 6 settembre:

ore 9.00 - 12.30 lezioni frontali e preparazione dell’impasto per la stesura della prima mano: pastella;

ore 12.30 – 14.00 pranzo presso il lago di Montelleri (Vicchio);

ore 14.00-15.00 preparazione e bagnatura del fondo;

ore 16.00-19.00,realizzazione del primo strato di finitura: pastella.

Domenica 7 settembre:

ore 9.30-12.30 lezioni frontali, verifica della presa del primo strato di finitura, preparazione dei campioni di finitura per le prove colore per la pastellina;

pranzo presso il lago di Montelleri (Vicchio);

ore 14.00-18.00 realizzazione dell’ultimo strato di finitura: pastellina.

Durante il corso i singoli partecipanti potranno realizzare, su appositi supporti rigidi forniti dall’associazione, un campione di prova colore che potranno portare a casa


Sede
Via G. Ulivi, 20 – Borgo San Lorenzo (FI) - Mappa Google

In autostrada, l’uscita di riferimento è Barberino del Mugello (A1). Da lì proseguire per Borgo San Lorenzo.
In treno si può arrivare a Firenze. Da lì cambiare per Borgo San Lorenzo (40 minuti).


Docenti
Arch. Gavino Cau (consiglio direttivo Forum Italiano Calce)


Quota di iscrizione

  • € 125 + €15 (Iscrizione all’Ass.ne Officina Lieve, obbligatoria)

Attestato

Ai partecipanti ad entrambi i moduli sarà rilasciato un Attestato di Frequenza del Forum Italiano Calce

 


Iscrizioni

La quota di iscrizione al singolo corso è di Euro 125 viene rimborsata al 100% solo quando non vi siano più posti disponibili, oppure quando il corso sia annullato per il mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti. Attenzione, in caso di rinuncia da parte del corsista, la quota è rimborsata nella misura del 50% fino a sette giorni prima dell'inizio del corso (la quota associativa di €15 a Officina Lieve non viene in questo caso rimborsata). Le iscrizioni sono aperte fino a venerdì 5 settembre 2014 e, in ogni caso, fino ad esaurimento dei posti ammissibili (13 iscritti). Essendoci già più di 7 iscritti, il corso è già confermato.

Per informazioni e iscrizioni scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonare al 327/8997322 (Boris).


Pernottamento e Pasti
L’Ass.ne Officina Lieve lavora in collaborazione con l’agriturismo Case Tertulia. Qui è possibile pernottare in camera doppia con bagno privato in uno splendido casale con vista che domina la vallata del Mugello. È anche possibile pernottare in tenda. In entrambi i casi i prezzi sono politici… Potete chiamare il 327/7550796 (Boris).
Per quanto riguarda i pasti, a chi fosse interessato possiamo offrire pranzo a € 7 incluse bevande (sul lago di Vicchio, a 10 minuti dal cantiere scuola) e cena a € 8 escluse bevande nell’agriturismo Case Tertulia.