Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Corso – Intonaco di finitura a cocciopesto per interni – Olmedo (SS), 2 – 4 maggio 2014

Corso – Intonaco di finitura a cocciopesto per interni – Olmedo (SS), 2/4 maggio 2014 

Il Forum Italiano Calce organizza un corso di intonaco di finitura a cocciopesto, che si svolgerà in una casa ecologica ad Olmedo (SS) da venerdì 2 a domenica 4 maggio 2014, sotto la guida dell'architetto Gavino Cau e degli artigiani Lino Pinna e Giampiero Biddau.

Partecipare al corso sulla finitura a cocciopesto per interni significa imparare una delle tecniche di applicazione dell’intonaco a

calce più usato e apprezzato nella storia dell'architettura. Questo materiale, se applicato con i tempi appropriati e la giusta tecnica, permette all'artigiano di mettere in pratica idee di qualsiasi tipo e di realizzare progetti decorativi unici per bellezza e durabilità con le vibrazioni e i toni di colore specifici e unici dei materiali naturali.

Stiamo parlando di un intonaco naturale e assolutamente biocompatibile con l’ambiente, infatti la calce, il carbonato di calcio e il cocciopesto vantano una reversibilità pari al 100%. La finitura a cocciopesto per interni può essere utilizzato per il bagno o per la cucina, in sostituzione delle piastrelle in ceramica. È un 'manto' di calce, polvere di marmo e cocciopesto in granulometria che varia progressivamente dallo strato di sottofondo, granulometria 0-3 mm, all'ultimo strato sottile, granulometria 0-0,1 mm. La particolare lavorazione con spatole e pietre che premono sulla superficie in fase di presa garantiscono la chiusura dei pori, l'impermeabilizzazione all'acqua e nel contempo la traspirabilità. L'ultimo trattamento avviene con la stesura di uno strato di acqua con sapone di marsiglia. La vera forza è la sua grande traspirabilità, proprietà che garantisce ambienti dove vivere in maniera sana. 

Lavorare con la calce

Imparare ad usare la calce significa avere a disposizione sassi di calcare puro, farli calcinare a 900 gradi per ottenere calce viva, che una volta spenta con acqua forma una densa crema bianca (il grassello di calce). Ma questa potente 'crema bianca' bisogna saperla gestire e maneggiare nell'impasto che deve essere correttamente dosato e lavorato. Il corso serve proprio a questo: ogni persona che si cimenta con la calce interagisce automaticamente con essa e con gli aggregati naturali che definiscono i canoni di bellezza. Inevitabilmente si deve cominciare a recuperare le conoscenze tecnico-esecutive dei nostri predecessori. Recuperare le tecniche antiche e impara a gestire la materia significa anche restituire le caratteristiche e le potenzialità estetiche alle materie prime nelle molteplici utilizzazioni funzionali ed estetiche.

Il Cocciopesto è un intonaco di origine cartaginese molto utilizzato poi in epoca romana per cisterne, terme, acquedotti, sottofondi di strade e pavimenti. Il Cocciopesto tradizionale è composto da grassello di calce naturale e frammenti di laterizio frantumati: l’argilla cotta a 900 °C conferisce proprietà idrauliche e l’intonaco così preparato è adatto anche per applicazioni in esterno e se opportunamente trattato è resistente all’acqua.

 In questo laboratorio si vedranno gli svariati utilizzi del Cocciopesto e in particolare si realizzerà la finitura su un muro già intonacato a calce di un bagno di una casa ecologica ad Olmedo (SS).

Il laboratorio avrà un taglio teorico e pratico. Durante il laboratorio, dopo una prima introduzione teorica, si prepareranno le malte per i tre strati di finitura, con aggregati naturali locali e solamente grassello di calce naturale. Sul corpo intonaco già realizzato si procederà all’applicazione degli strati di finitura “fresco su fresco”, la levigatura ed infine la finitura per l'impermeabilizzazione. Il legante utilizzato sarà il grassello di calce, gli aggregati cocciopesto e carbonato di calcio


Obiettivi
Fornire le conoscenze di base dei temi propri della realizzazione tradizionale degli intonaci tradizionali di finitura a grassello di calce, conoscere le qualità nell’impiego nelle varie applicazioni che interessano le finiture architettoniche nella bioedilizia e nel restauro.


Destinatari
Geometri, Architetti, Restauratori, Tecnici di Imprese, Studenti in Ingegneria, Architettura, Conservazione Beni Culturali ecc.


Contenuti Formativi
Conoscere la calce: la storia, le proprietà e l’impiego millenario in architettura.

Conoscere le modalità di fabbricazione degli intonaci: la scelta degli aggregati, le modalità di impasto e di esecuzione, i tempi di maturazione, la stagionatura, le tecniche di finitura.
Conoscere le qualità che fanno dell’intonaco in calce in mix con soli aggregati naturali il materiale più idoneo nell’affrontare opere di bioedilizia e restauro di edifici antichi con sole materie prime, prevalentemente locali, lavorate direttamente in cantiere.


Data e Orari 
      
 
venerdi 2 maggio

  • ore 15.00-18.00 Presentazione del corso, breve introduzione teorica. Preparazione dell’intonaco: miscela di calce e cocciopesto e stesura del primo strato.

sabato 3 maggio

  • ore 9.30-12.30 Applicazione della seconda mano di finitura e levigatura;

  • ore 14.00 – 18.00 Applicazione della terza mano di finitura e levigatura.

domenica 4 maggio

  • ore 9.30-17.00 Verifica e stesura di finitura finale e stesura di finitura con acqua e sapone di marsiglia e/o con sapone nero.


Sede
Casa ecologica, via Europa 13, Olmedo (SS).


Docenti
Arch. Gavino Cau con gli artigiani Lino Pinna e Giampiero Biddau


Quota di iscrizione al corso
€ 120 (Corso) + € 30 (Iscrizione al Forum Italiano Calce, obbligatoria)


Attestato
Ai partecipanti sarà rilasciato una Attestato di Frequenza  


Iscrizioni
La quota di iscrizione all’intero corso è di Euro 120 più 30 euro per chi non è iscritto al Forum Italiano Calce. Per l’iscrizione è previsto il versamento di un acconto di Euro 50, la rimanente somma potrà essere versata direttamente al corso. La somma versata verrà rimborsata al 100% solo quando non vi siano più posti disponibili oppure quando il corso sia annullato per il mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti. Attenzione, in caso di rinuncia da parte del corista, la quota è rimborsata nella misura del 50% fino a sette giorni prima dell'inizio del corso (l’iscrizione al Forum di Euro 30 non viene in questo caso rimborsata).
Le iscrizioni sono aperte fino a sabato 26 aprile 2014. In ogni caso, le iscrizioni sono accettate fino ad esaurimento dei posti ammissibili (6 iscritti).


Come Raggiungere la casa ecologica

La casa si trova in via Europa n. 13 ad Olmedo in provincia di Sassari


Pernottamento e Pasti
L’azienda che ospirerà il corso offrirà il pranzo del sabato e della domenica. Per l’elenco degli alberghi per il pernotto ed altre informazioni sul corso telefonare al n. 338/9684541


Iscriviti subito al corso i posti sono limitati!
Le iscrizioni avvengono on line tramite questo FORM DI ISCRIZIONE>>