Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Sos Furraghes di Borutta (SS)

SOS Furraghes di Borutta 
Riattivazione delle vecchie fornaci e recupero dei tratti lessicali del processo produttivo della calce.
Borutta (SS) 12, 13 e 14 dicembre 2013

Programma della manifestazione

 

Giovedì 12 dicembre

  • ore 15,00: Accensione della fornace seguendo i metodi e le attrezzature tradizionali usate in passato.  

Venerdì 13 dicembre

  • ore 11,00: Incontro delle scolaresche nel piazzale della Basilica di San Pietro di Sorres; visita guidata alla chiesa, al monastero e ai suoi segreti, al laboratorio di restauro dei libri, guidati dal Padre Abate; visita al museo e al laboratorio didattico sui pipistrelli (presenti in abbondanza nella vicina grotta Ulari). Partendo da San Pietro si farà una passeggiata nell'altopiano di Mura toccando i siti di archeologia industriale dati date dalla presenza di numerose calcare (in sardo: furraghes) con soste didattiche; in particolare ci si soffermerà presso la fornace accesa per apprendere indicazioni sulla funzione e utilizzo.
    Nel mezzo ci sarà una sosta presso le tipiche "pinnetas de pedra" per fare colazione con prodotti tipici e genuini locali.
  • ore 15,00: Passeggiata didattica con lo stesso programma del mattino e con merenda nelle "pinnetas" con prodotti tipici locali.

 

Sabato 14 dicembre

  • ore 11,00: Incontro delle scolaresche nel piazzale della basilica di san Pietro di Sorres; visita guidata alla chiesa, al monastero e ai suoi segreti, al laboratorio di restauro dei libri, guidati dal Padre Abate: visita al museo e al laboratorio didattico sui pipistrelli (presenti in abbondanza nella vicina grotta Ulari). Partendo da san Pietro si farà una passeggiata nell'altopiano di Mura, visitando, con soste didattiche, le numerose fornaci (in sardo: furraghes) presenti ed ormai esempio di archeologia industriale; in particolare ci si soffermerà presso la fornace accesa per apprendere indicazioni sulla funzione e utilizzo. Nel mezzo ci sarà una sosta presso le tipiche "pinnetas de pedra" per fare colazione con prodotti tipici e genuini locali. Su Cunsonu Thiesinu accompagnerà l'evento.
  • ore 11,30: Spegnimento della fornace e raccolta della calce viva. Rievocazione dei sistemi tradizionali (carro a buoi) in uso sino a mezzo secolo fa. Nell' intervallo ci sarà una sosta presso le tipiche ''pinnetas de pedra" per fare colazione con prodotti tipici e genuini locali.
  • ore 13,00: Pranzo con pietanze di un giorno di festa del lavoratore delle fornaci; sarà curato da Giovanni Francello, studioso di alimentazione nella storia, e dall'artigiano della pasta Pasquale Tanda
  • ore 15,30: Convegno su "La produzione della calce passato e presente a confronto" interverranno: Dott. Silvano Arru, sindaco di Borutta, Dott. Andrea Rattazzi, presidente del Forum Italiano Calce, Arch. Gabriela Frulio, Arch. Gavino Cau, socio ANAB, Prof. Marco Milanese, docente di archeologia medievale seguiranno le testimonianze delle persone che hanno avuto un ruolo nella produzione della calce nelle fornaci di Mura.
  • ore 18,00 sarà presentato il Calendario "Sorres" contro la violenza alle donne e il femminicidio, presentato dalla Rete delle Donne di Sassari, con un' introduzione dell'esperta d'arte Mariolina Cosseddu e con un contributo del poeta Alberto Masala.

Allegati:

 pdf.gif   Locandina.pdf  (9283 KB)