Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Acqua di calce e nanocalce

La calce, in soluzione satura (acqua di calce) e/o in sospensione (latte di calce), viene da sempre impiegata nei trattamenti consolidanti di superfici architettoniche a matrice carbonatica (intonaci, affreschi, dipinti murali, materiali lapidei ecc.), con risultati eccellenti.


Il merito, non cumune, dell'uso di acqua e/o latte di calce come consolidante è quello dell'assoluta compatibilità con i substrati degradati, a causa della trasformazione del Ca(OH)2 in CaCO3 ad opera dell’anidride carbonica CO2.

Oggi a fianco dei trattamenti appena citati, si fa strada l'impiego di nanocalci.  Le nanocalci sono idrossido di calcio di dimensioni nanometriche, disperso non in acqua ma in alcool isopropilico: i vantaggi sono molteplici.

Per approfondire:
Colloidal Particles of Ca(OH)2: applications to restoration of frescoes (PDF) >>

Informazioni aggiuntive